IT/ENG
Enel Contemporanea 2008

La seconda edizione di Enel Contemporanea, realizzata nel 2008 sempre a cura di Francesco Bonami, sposta l’attenzione verso luoghi simbolo del rinnovamento sociale e urbano della città. Tre ambientazioni fortemente simboliche, in grado di risvegliare nell’individuo il bisogno di sentirsi centrale rispetto al tessuto sociale e alla città in cui vive. I tre artisti, Assume vivid astro focus (avaf), A12 e Jeffrey Inaba, hanno utilizzato in modi diversi differenti forme di energia invisibile e si sono così addentrati nel tessuto di due città italiane, Roma e Venezia, guardando all’energia inesplorata del tempo nelle sue diverse declinazioni: gioco, immaginazione, attesa.

Gli artisti hanno riempito di immaginazione e creatività tre luoghi bisognosi di nuova energia, perché talvolta poco valorizzati o considerati statici: l’area archeologica di Largo Argentina, la laguna di Venezia, il Policlinico Umberto I di Roma.

Visita il sito ufficiale di Enel Contemporanea >>
http://enelcontemporanea.enel.com/

h+ si è occupata di:
Sviluppo concept - Relazioni con realtà territoriali e istituzioni - Pianificazione, organizzazione e gestione annuale del progetto - Produzione installazioni artistiche - Ufficio Stampa - Gestione relazione con il curatore e gli artisti - Coordinamento reparti - Segreteria organizzativa - Concept eventi inaugurali - Allestimenti - Immagine coordinata - Backstage.

Gli artisti:
avaf
Assume vivid astro focus
Area Sacra di Largo Argentina, Roma, 4 Luglio - 21 Luglio 2008

Sito archeologico a cielo aperto, le rovine di Largo Argentina si trovano nel cuore di Roma. In questo particolare contesto artistico l’installazione degli avaf offre al pubblico l’occasione di poter interagire con le rovine, permettendo di rivivere una storia passata attraverso visioni contemporanee. Dalle strutture portanti al materiale decorativo, dalle proiezioni ai giochi di luce, tutto nelle opere degli avaf riconduce a illusioni reali, a sogni surreali e a paesaggi astratti e talvolta provocatori.












A12
Deep Garden
Viale dei giardini pubblici, Venezia, 13 Settembre - 23 Novembre 2008

Venezia, che ha costruito la propria identità su un’idea di tempo astratto, ma ha dimostrato anche una grande attenzione per le arti contemporanee, ospita il progetto Deep Garden del gruppo A12. L’installazione propone un luogo isolato dove godere il silenzio e immergersi in uno spazio surreale. In questa città, dove l’impianto urbano è circondato dalla laguna, l’opera degli A12 diventa simbolo del flusso di energia creata dall’uomo per costruire nuove esperienze in luoghi apparentemente inimmaginabili.








Jeffrey Inaba
Waiting Room
Policlinico Umberto I, Roma, 13 Novembre 2008 - 13 Febbraio 2009

Jeffrey Inaba ha ideato un’opera per trasformare l’area di attesa del Policlinico Umberto I, l’ospedale più importante di Roma e tra i più grandi in Europa. Colori, luci, forme geometriche ed elementi ecosostenibili danno all’ospedale un’energia nuova e vitale. L’attesa diventa, attraverso l’arte, energia, grazie alla sua valenza positiva e alla capacità di portare conforto in uno spazio di passaggio. L’opera è stata donata da Enel al Policlinico di Roma dove è allestita in forma permanente.