IT/ENG
Enel Contemporanea 2007

Nel 2007 nasce Enel Contemporanea con la prima serie di progetti di arte pubblica dedicati al tema dell’energia attraverso la realizzazione di tre installazioni per la città di Roma da parte di tre artisti internazionali.
Promossa da Enel e il Comune di Roma, a cura di Francesco Bonami, la prima edizione ha portato per la prima volta nella Capitale le installazioni di tre artisti internazionali - Angela Bulloch, inglese, Jeppe Hein, danese e Patrick Tuttofuoco, italiano – in tre diversi luoghi simbolici della città e in differenti periodi dell’anno.
 
1. Angela Bulloch
Repeat Refrain
Ara Pacis, Roma, 11 maggio - 25 maggio 2007
Partendo dalle fondamenta storiche e architettoniche dell’Ara Pacis, luogo simbolico di Roma, l’artista pensa al modo migliore per entrare in collegamento e armonia con esso. Angela Bulloch immagina quindi un pallone aerostatico di 5 metri di diametro e 15,70 metri di circonferenza e lo colloca sopra il tetto del museo, in prossimità dell’altare. Il pallone diventa così simbolo elevato ad oggetto sacrificale in onore della storia che ha visto come protagonista l’Ara. L’opera prende vita attraverso immagini e giochi di luci e ombre che ricordano suggestive visioni di fasi lunari: un ciclo di video e immagini di diapositive raccolte dall’artista presso diversi osservatori astronomici vengono progettate sull’opera.
 
2. Patrick Tuttofuoco
Future City
Piazza del Popolo, Roma 17 ottobre - 29 ottobre 2007
Per Enel Contemporanea, l’artista crea un nuovo flusso di energia dando all’emblematica piazza romana un nuovo senso storico, artistico e temporale. Con la scritta Roma 18 ottobre 2007 Piazza del Popolo posta come confine tra passato e futuro, l’artista delimita bene i tre diversi momenti. Seppur caratterizzata dall’idea di futuro come cantiere potenzialmente in divenire, l’opera vive nel presente il giorno dell’inaugurazione, quando interagisce nello spazio pubblico, per poi diventare subito passato. Future
City ci lascia immaginare l’idea di un futuro pieno di energia e che deve essere indagato.
 
3. Jeppe Hein
Hexagonal Water Pavilion
Piazza Damiano Sauli, Garbatella, Roma, 5 giugno - 19 giugno 2007
Hexagonal Water Pavilion (Padiglione d’acqua esagonale) 2007, è una fontana particolare e nasconde diverse sorprese. Continui giochi e getti di acqua creano spazi sempre nuovi, formano territori e delimitano confini con muraglie d’acqua alte 2 metri e mezzo, catapultando lo spettatore in trappole, vie, camminamenti sempre diversi, nascondigli, zone di protezione e zone di pericolo, corridoi inavvicinabili o improvvisi ripari. L’artista invita lo spettatore a interagire con l’opera d’arte non solo con la mente ma anche con il corpo e a prendere parte a un gioco comunitario.


1. Angela Bulloch




2. Patrick Tuttofuoco




3. Jeppe Hein